n°4 – IERI/OGGI

IERI Le case arancioni della foresteria, fino all’età di otto anni le immaginavo le più belle che potessi abitare, per il solo fatto che di notte per le scale, si accendevano le luci viola al neon e casa sembrava un incrocio fra un motel di un film iuessei e un’aereo che attraversa un temporale  cinguettando – mayday mayday! –

OGGI Suonerò per te campanelli di plastica, sulla soglia della porta immobile tu, nei tuoi venti metri cubi d’aria privata, m’aspetti con gli occhi di caucciù poi mi lanci sguardi al teflon. Il ricircolo dell’aria suona a festa…la falena in silenzio spia, aggrappata alla finestra..ma lei forse guarda giù.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...